Lizzy Sainsbury has lived in the woods of Montalbano in Tuscany  since 1992 and makes her artwork and installations mainly with clay,  wood,  organic and scrap material. 

 

Lizzy Sainsbury abita dal 1992 nei boschi del Montalbano e lavora principalmente con la creta,  il legno,  materiali organici e oggetti trovati. 

 

 

One-woman shows 

 

 

La Soffitta, Colonnata

La Casa di Dante, Firenze

The Chantries, Cambridge

The Black Barn, Ely

Palazzo Pretoriale, Montelupo.

Thin Air. Podere Ciliegi, Vinci

 

 

Group shows and site-specific installations

 

2017

Varcune, Here, Cavallerizza, Turin

Cley 17, Cley, G.B

 

2016

Entropie - Cavallerizza, Torino

Tradewinds - Fornace Pasquinucci, Capraia Fiorentina

Homes - Istantanee,San Casciano

 

2015

Via Asti - Torino

One Boat - Istantanee San Casciano

Alberi - Il Giardino dei Ciliegi, Firenze

 

2014

Parole - Il Giardino dei Ciliegi

Parole -  Biblioteca di San Giorgio, Pistoia

Centro Sereno Regis, Torino

 Scambi di Memoria, Crespina

 

2013

Diladdarte - Porta San Niccolò, Firenze

Winetown -  Loggia del Grano, Firenze

Mobilecard - Simultanea, Firenze

Nature and Man - Panzano

Passages - Zeri

 

 

2012

 

Wart, - Palazzo Medici-Riccardi, Firenze

Diladdarte - Firenze

Il Giardino dei Ciliegi - Firenze

Winetown - Palazzo Non Finito

Wart - Casole d’Elsa  

Suite -  Biblioteca Comunale di Pontassieve 

Musiche della Natura -   Palazzo Uzielli, Vinci

 

 

 

 

 

 

Nel corso di 4 mesi, da giugno ad ottobre, il labirinto è rimasto sul sito con l'intervento dell'artista, del tempo, degli animali, della crescita delle piante.

EUFEMIA: Scambi di memoria al solstizio e all'Equinozio.

 

Un labirinto a quattro porte formato da elementi modellati dall'artista o raccolti in vari luoghi nel corso di un anno e disposti sul terreno in modo da raccontare le quattro stagioni(animali, piante, tempo). Il labirinto rimane sul sito dal solstizio fino all'equinozio con interventi dell'artista, del tempo, degli animali ecc.

 

A labyrinth with four entrances formed by elements modelled by the artist or gathered in various significant sites over the course of a year and arranged to represent the four seasons. The labyrinth remained on the site from the summer solstice until the autumn equinox with the intervention of the artist, the weather, animals etc

 

 

 

.

 

 

 


.




.


 

.

 


.