Lizzy Sainsbury has lived in the woods of Montalbano in Tuscany  since 1992 and makes her artwork and installations mainly with clay,  wood,  organic and scrap material. 

 

Lizzy Sainsbury abita dal 1992 nei boschi del Montalbano e lavora principalmente con la creta,  il legno,  materiali organici e oggetti trovati. 

 

 

One-woman shows 

 

 

La Soffitta, Colonnata

La Casa di Dante, Firenze

The Chantries, Cambridge

The Black Barn, Ely

Palazzo Pretoriale, Montelupo.

Thin Air. Podere Ciliegi, Vinci

 

 

Group shows and site-specific installations

 

2017

Varcune, Here, Cavallerizza, Turin

Cley 17, Cley, G.B

 

2016

Entropie - Cavallerizza, Torino

Tradewinds - Fornace Pasquinucci, Capraia Fiorentina

Homes - Istantanee,San Casciano

 

2015

Via Asti - Torino

One Boat - Istantanee San Casciano

Alberi - Il Giardino dei Ciliegi, Firenze

 

2014

Parole - Il Giardino dei Ciliegi

Parole -  Biblioteca di San Giorgio, Pistoia

Centro Sereno Regis, Torino

 Scambi di Memoria, Crespina

 

2013

Diladdarte - Porta San Niccolò, Firenze

Winetown -  Loggia del Grano, Firenze

Mobilecard - Simultanea, Firenze

Nature and Man - Panzano

Passages - Zeri

 

 

2012

 

Wart, - Palazzo Medici-Riccardi, Firenze

Diladdarte - Firenze

Il Giardino dei Ciliegi - Firenze

Winetown - Palazzo Non Finito

Wart - Casole d’Elsa  

Suite -  Biblioteca Comunale di Pontassieve 

Musiche della Natura -   Palazzo Uzielli, Vinci

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

.

 

 

.

 

 

 

Ill vento non ha confini, è inarrestabile, trasporta la polvere di

altre terre nella nostra e quella della nostra terra in luoghi lontani.

Il vento può inquietare, disturbare, scombussolare o addirittura

distruggere, ma spazza via l'aria stagnante, libera il cielo dalle

nuvole e rinvigorisce.

In origine, la parola trade in inglese significava 'sentiero' e quindi

i tradewinds, o semplicemente trades, erano le rotte delle navi

determinate dalla direzione dei venti. Ora la parola trade si

associa più facilmente con il denaro e il commercio ma può

anche riferirsi allo scambio in altri sensi.

In questo momento storico, caratterizzato da crisi, guerre e

migrazioni, con cause ed esiti molto tragici, non possiamo

sottrarci ai venti del cambiamento. Accoglierli porta uno scambio,

non di merci ma di culture, e rafforza il nostro senso di umanità

collettiva.

Anche nelle vite individuali a volte soffiano venti che ci invitano a

un cambiamento di rotta e indicano la strada per una

destinazione nuova, lasciandoci senza altra scelta che

l’abbandonarsi all’ignoto.

Questa mostra, frutto della collaborazione tra persone molto

diverse messe in contatto tra di loro dalla curatrice Alessandra Bini, lascia intravvedere la cultura di origine di ciascuna persona,

ma allo stesso tempo rivela la contaminazione con le altre.

 

 

TRADEWINDS PERFORMANCE 7th September